Comunità Terapeutica di Fogliaro

Comunità TerapeuticaLa Comunità terapeutica psico-educativa per pre-adolescenti e adolescenti è una struttura che utilizza la residenzialità temporanea e di breve/medio termine a fini terapeutici, riabilitativi, educativi e assistenziali, in situazioni nelle quali si rende indispensabile il momentaneo allontanamento del minore dal contesto socio-familiare.

La struttura fa riferimento all’ambito territoriale della ASL della Provincia di Varese – Distretto socio-sanitario di Varese. La sua collocazione nel quartiere di Fogliaro, la vede ben integrata nel contesto sociale e facilmente accessibile anche con i mezzi pubblici.

La Comunità è collocata nell’immobile principale ed è organizzata su tre livelli. Al piano 1 e 2 si trovano due appartamenti da 7 posti e al piano 0 vi è uno spazio comune dedicato alle attività amministrative, sanitarie, educative e terapeutiche. Ogni appartamento è composto dalla zona notte con due camere a tre posti e una singola, una zona pranzo/soggiorno con angolo cottura ed una zona servizi.
Il parco esterno è attrezzato per attività occupazionali, ludico-ricreative e relax con recinzione di sicurezza.

Destinatari del servizio
La Comunità può accogliere pre-adolescenti e adolescenti, maschi e femmine, di norma tra i 12 e i 18 anni, con eventuale possibilità di prosecuzione sino ai 21 anni (prosieguo amministrativo) o anticipo a 8 anni, sulla base di specifici bisogni clinici e/o sociali.

Potranno essere accolti minori affetti da patologie psichiche riconducibili a:
– disturbi di personalità di tipo borderline, disturbi della condotta, psicosi, sindromi affettive
– disturbi comportamentali associati a quadri di insufficienza mentale lieve.
Sono criteri di esclusione: disturbi della condotta antisociale, ritardo mentale medio e grave, problemi di dipendenza.

Procedure di accoglienza
La proposta di inserimento è formulata dalla UONPIA (Unità Operativa di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza) del territorio e condivisa con il Servizio Sociale comunale, attraverso una valutazione clinica e sociale del soggetto e della sua famiglia, necessaria a delineare il percorso terapeutico prospettato.
La UONPIA invia la proposta di inserimento alla ASL e alla Direzione della Fondazione Renato Piatti onlus, secondo la prassi attualmente vigente.
A seguito della richiesta di inserimento l’Unità di Valutazione della struttura dovrà stabilire se le opportunità terapeutiche offerte dalla Comunità siano quelle più idonee alle necessità del ragazzo, anche in relazione alla tipologia del gruppo di ragazzi già inseriti.
La Direzione Sociale della Fondazione, sulla base della valutazione effettuata, risponde al Servizio inviante e alla ASL, in merito all’ammissibilità o meno del caso La persona ritenuta ammissibile, in mancanza di disponibilità immediata di posto, viene inserita in lista d’attesa
Accertata la disponibilità di posto si attivano le procedure amministrative necessarie per formalizzare l’inserimento.

Presa in carico
La presa in carico del giovane prevede:
• una fase di osservazione della durata di 40 gg prima della conferma dell’inserimento per confermare l’effettiva idoneità del Centro al minore e la sua adesione al progetto;
• la conferma dell’inserimento. Se l’inserimento è confermato il progetto riabilitativo/educativo individualizzato viene condiviso con la UONPIA inviante, i Servizi Sociali e la famiglia: tipologia di interventi (clinici, psicoterapeutici, farmacologici ed educativi-riabilitativi), frequenza, durata, metodologia e tempi di monitoraggio per il follow-up degli aspetti clinici;
• rapporti con la famiglia. La regolamentazione dei rapporti tra il minore e la sua famiglia sarà definita di volta in volta in accordo con la UONPIA inviante ed il Servizio Sociale comunale e terrà conto di eventuali prescrizioni dell’Autorità Giudiziaria;
• la dimissione che viene sempre condivisa con la UONPIA inviante ed i Servizi Sociali del territorio sulla base dell’evoluzione del quadro clinico e sociale. Non è vincolata al raggiungimento della maggiore età.

I Servizi offerti
L’intervento terapeutico si basa su un approccio multidisciplinare bio-psico-socio-educativo. La presa in carico globale prevede interventi di tipo neuropsichiatrico, farmacologico, psicologico e psicoterapeutico, educativo, relazionale, assistenziale e si ispira a diversi principi metodologici, riconosciuti dalle Linee Guida Sinpia.
Il Progetto terapeutico-educativo è modulato sui bisogni delle persone e viene elaborato dall’équipe multidisciplinare della Comunità in sinergia con la UONPIA inviante, il servizio sociale del comune di residenza e la famiglia. Tiene conto delle caratteristiche del minore, valorizza le sue risorse personali e quelle della sua famiglia, ne favorisce lo sviluppo e la crescita psicoaffettiva, con l’obiettivo di renderlo autonomo e competente.

Prestazioni sanitarie
Il Responsabile sanitario, specialista NPI, partecipa alla valutazione e all’osservazione dei casi, alla definizione del piano trattamentale, definisce e implementa il piano sanitario di struttura. I medici specialisti NPI hanno il compito di curare ulteriormente gli aspetti clinici degli ospiti e definire/monitorare il progetto riabilitativo individuale in collaborazione con gli educatori professionali ed i riabilitatori.
L’attività clinica prevede pertanto:
• Interventi specialistici di Neuropsichiatria Infantile
• Sistematico aggiornamento e monitoraggio del quadro clinico (attraverso specifici protocolli di valutazione) e farmacologico di ogni ragazzo.
• Supervisioni individuali dei casi clinici (attraverso la sistematica e periodica programmazione di riunioni settimanali, con la presenza del Responsabile di struttura, del Medico, dello Psicologo e degli Educatori e terapisti referenti del caso).
• Incontri con l’Ente inviante UONPIA , con i Servizi sociali e con le scuole
• Incontri periodici con le famiglie
• Relazioni cliniche di aggiornamento annuali ai diversi enti coinvolti nel progetto e alle famiglie.

Prestazioni alberghiere
Pasti e diete:
• è previsto un menù giornaliero
• su prescrizione specialistica vengono garantite diete speciali
• la qualità viene costantemente monitorata

CONTATTI
Via Cirene, 1 – 21100 Varese

Tel. 0332-220383 Fax 0332-284454
E-mail: info@fondazionepiatti.it      PEC: ct.fogliaro.pec@fondazionepiatti.org

Responsabile di struttura: Manuela Rusini

Direttore Sanitario: Dr.ssa Annalisa Farioli

Per ulteriori informazioni sul servizio è possibile contattare la Direzione Sociale di Fondazione Piatti (Dr.ssa Luisella Carchen, tel. 0332.281025 – 3)

È prevista la possibilità di visite guidate alla struttura da parte di utenti potenziali e loro famigliari, previo appuntamento con l’assistente sociale della Fondazione.

CARTA DEI SERVIZI

LISTA D’ATTESA (aggiornata al 31.10.2014)

MODULO DI INSERIMENTO