Pensieri ed emozioni

In questa sezione abbiamo voluto dare voce ai nostri operatori, ai nostri ragazzi, ai nostri amici e ai nostri sostenitori che spesso hanno tante cose da dire. Parole ed emozioni che ogni giorno danno nuovo slancio al nostro impegno e rendono meno faticoso il nostro lavoro. Grazie a tutti!

 

PER LA FESTA DELLA MAMMA… I PENSIERI DI MAMMA DONATELLA

Disabilità grave di un figlio: una parola da vertigine, un’ombra grigia che corrode il cuore, cambia improvvisamente l’esistenza che si sviluppa su tracciati imprevisti, sconosciuti, lontani dai nostri sogni. E’ tanto contrapposta alla società in cui viviamo con i suoi messaggi di ritmi affannosi che questa contrapposizione la rende ancora più inquietante senza previsione di fusione ma solo di lontananza dalle traiettorie degli altri; per non parlare del mondo web. Sembra un frammento di meteorite che si è distaccato dalla vastità infinita del cosmo per ricadere infine su noi poveri umani che voliamo poco più in alto della terra; e il masso che si cerca di spingere in su continua a tornare verso il basso cancellando nel tempo l’armonia interiore. E su e giù: la fatica ti strema e t’incupisce finchè l’orizzonte della storia muta colori e l’accettazione rasserena. Questo nuovo percorso tuttavia non è una sorta di un cammino sotto un cielo livido di sofferenza. Al contrario è un itinerario che dà valore, coraggio, nuovi stimoli e spunti di riflessione, è il limite entro il quale assumono significato ogni piccolo risultato o gesto. Certo è un percorso lungo e le persone di fede a volte si chiedono per che peccato si debbano redimere, mentre gli atei perché il caso abbia beffardamente e impunitamente colpito proprio loro. L’importante è non interrompere mai quel flusso di veri sentimenti ed emozioni che costituiscono l’unico grande nutrimento per la sua e la nostra anima. Nutriamo la sua e la nostra anima quando guidiamo con la massima attenzione i suoi passi, quando gli diciamo “bravo” se gli riesce bene un lavoretto un po’ difficile, quando porta a termine un compito assegnatogli o riesce a vincere una paura. Nutriamo la sua e la nostra anima quando troviamo la forza di dirgli dei no se esce troppo dai binari. Nutrire l’anima non è solo educare con dolce fermezza. E’ ben altro, ma è probabile che inizi proprio da lì, dall’offerta sicura di strumenti per salire sulle alture della vita con passione e tanta pazienza. Così donando alla sua anima il nutrimento più grande ossia l’adeguamento alla sua specificità riusciamo anche a percepirla con i suoi brusii e il suo sommesso canto a bocca chiusa. La nostra mente riacquista lucidità e si ritrova la pace che cancella le pulsioni negative: la mancata bellezza di un corpo, la mancata indipendenza in un futuro da adulti, la preoccupazione per una clinica deviata. La sua disabilità non si tace più, anzi si è imparata la forza più grande: il parlarne. Una leggera serenità che ha vagato sospesa fino ad allora, sospinta da nuovi venti,  può tornare a posarsi sulle nostre famiglie.

La mamma Donatella

ASPETTANDO IL NATALE

La festa di tutti: il Natale. Io mi sento più vicino ai bambini del terzo mondo. Il Natale è la felicità di grandi e piccoli. Stiamo facendo gli addobbi per l’albero. Le palline le facciamo noi!

Auguro a tutti un buon Natale e felice anno nuovo!

Fabio

Il Natale è una festa per tutti. In Comunità viene Babbo Natale a portare i doni alle famiglie e a tutti i ragazzi. Pranziamo tutti insieme e finito il pranzo le persone vanno a casa e noi stiamo nella nostra casa, la gioia è Gesù Bambino che nasce a Natale. C’è la Messa solenne e io vado con la cravatta.

Tanti auguri da Andrea

Noi ragazzi della Comunità di Melegnano stiamo aspettando di festeggiare tutti insieme il Natale. Tutti insieme con Babbo Natale, con i ragazzi, con le famiglie e con gli operatori. Stiamo facendo i regali per le famiglie che piaceranno molto. Li stiamo facendo per i volontari che piacerà anche a loro. Il 21 novembre andiamo a Varese per la festa dell’Anffas. E noi ci divertiamo. Stamattina abbiamo provato i vestiti belli per domenica. Qualcuno non ci stava più nei pantaloni…

Buon Natale a tutti

Renzo, un ragazzo della Cdd di Melegnano

L’AUTUNNO

Il 31 ottobre è la festa di Halloween. Nel laboratorio espressivo stiamo colorando tante zucche, i pipistrelli e i fantasmi. Le zucche sono arancione. Il fantasma è bianco. I pipistrelli sono neri. In autunno le foglie cadono. Le giornate sono brutte. Il cielo diventa grigio. Le foglie sono di colore marrone e giallo. In autunno si raccolgono le foglie. Si mangiano le castagne. Mi piacciono tanto le castagne. L’autunno si va al cinema. Alle 16 si scende per bere il the al limone per la merenda. Per andare nel bosco si mettono gli stivali. Perché fa freddo mi metto la giacca. Quelle cose che pungono sono i funghi, e i ricci. Il sole in autunno è giallo, tramonta sulle montagne.

Claudio, un ragazzo della RSD di San Fermo.

L’ESTATE STA FINENDO

Di seguito alcuni pensieri dai nostri ragazzi della RSD di San Fermo, scritti al termine dell’estate:

Quest’estate sono andato in campeggio, siamo andati al mare a prendere il sole giallo, siamo andati con il pullman e guidava l’autista, c’era anche il gruppo di Sesto Calende: Veruska, Angelo, Fulvio, Dario, Luigi, Angelo, Alessandro, Mino, Andrea, Marco…Ci alzavamo alle 7.30 quasi 8.00 e alle 9.00 facevamo colazione, poi alle 16.00 facevamo la merenda con il gelato. Il sabato sera c’era la pizza al pomodoro con la mozzarella e ai quattro formaggi e alla sera facevamo le passeggiate. Sono stato a San Fermo a Ferragosto abbiamo fatto la festa e abbiamo mangiato la cioccolata, era buona. Adesso in autunno cadono le foglie e inizia a fare più fresco.

Claudio

Quest’estate ho saltato le vacanze estive in montagna perchè mi è venuta la polmonite per due volte, ma il 23 agosto per il mio compleanno sono andato a casa e ho mangiato la coppa del nonno con le nocciole acerbe.

Giannicola

TEMU’: UNA GRADE ESPERIENZA

Io mi sono divertito in montagna. Ho mandato una bella cartolina a Melegnano.
Era bello. Mi è piaciuto tutto… non so come spiegarti. È la prima volta che lo vedo.
Ho visto un lago a Temù. Le signore dell’albergo sono molto gentili.
Mangiavo tutto: polenta taragna , che fanno loro. Ho anche bevuto l’orzo.
Siamo andati a vedere alla sera l’orchestra, che suonava il liscio. Ho ballato.
All’alba, al risveglio, dalla finestra vedevo le montagne rosa e poi vedevo la chiesa.
Abbiamo camminato sui sentieri.
Ero più sereno. Ho comprato i souvenir per la mamma al Passo del Tonale.
Siamo andati a comprare le cartoline e a fare una gita in baita, dove facevano il latte, il formaggio e ho bevuto l’acqua nel torrente.
Le pecore brucavano l’erba.
Il tutto sembrava un sogno……cioè mi sembra di aver vissuto un sogno perché tutto è stato veramente
bello!!!!!!!!!!!!!
Spero di tornare l’anno prossimo!!!!

Fabio

 

TUTTI AL MARE

Alcuni pensieri ed emozioni dai ragazzi del CDD di Melegnano sulle loro vacanze a Cesenatico:

…“Sigh-sigh” le nostre vacanze sono finite! Mi sono divertito un casino!!!con i vari Jessica, Gabriella, Erika, Ale, Patty, Reinhild, Samantha, i compagni Simona.
Siamo giovani accidenti, l’allegra brigata!!!
molta spiaggia a fare i bagni e a raccogliere conchiglie, e molte bevute.
Abbiamo mangiato benissimo grazie ad Adriana, Giulia e Rita. Alla sera si ballava, che sballo!!! e un gruppo di dieci ragazzi che ballava con le mani…divertimento assicurato!!! da Marco U.

…Siamo andati in spiaggia, siamo stati un po’ contenti Siamo andati a Ravenna a vedere le ossa di Dante e giovedì siamo andati alla fattoria e a vedere i delfini, ho visto il cinema in 3D.
Mi sono divertito molto. da Renzo B.

…quest’anno in vacanza sono andata a Cesenatico. Mi sono divertita tanto. Sono andata con i miei compagni a ballare e mi sono divertita. Il sabato sera abbiamo mangiato la pizza al ristorante il Gabbiano. Una sera le signore cuoche ci hanno fatto la piadina romagnola.
Quando sono andata in gita a San Marino, ho comprato dei pensierini per miei cari, un portafoglio e un porta pepe e sale. La sera sentivo la mamma al telefono. Spero di tornare l’anno prossimo. da Elisabetta R.

 

 

UNA BEFANA SPECIALE

Domenica 6 gennaio 2010 gli amici del Moto Club Germagna sono venuti a fare visita ai nostri ospiti della RSD di Sesto Calende.
Hanno portato ai ragazzi “una calza della befana” particolare: il contributo raccolto da una loro speciale iniziativa di Natale, che ci aiuterà a migliorare la qualità di vita delle persone di cui ci prendiamo cura.
È stato un bel momento di festa, ricco di emozioni e soprattutto di amicizia, per tutto questo un grazie di cuore agli amici del Moto Club Germagna!
Di seguito le parole di Katia del Moto Club Germagna:

Vogliamo ringraziarvi della magnifica accoglienza, grazie quindi per l’aperitivo … grazie per i Vostri sorrisi!

Questo non solo a nome mio, ma anche e soprattutto a nome del nostro Presidente Sig. Carlo Spreafico e di tutti gli Amici del Moto Club Germagna.

Volevamo dirvi tante cose, ma …………scusateci, spesso vale più un sorriso sincero che mille parole!

Sono convinta che ci accomuna la voglia di fare di più per chi ha veramente meno, ci commuove vedere Anna e gli altri ridere, comunicarci la loro gioia per quello che probabilmente per loro è davvero speciale………… qualche amico, un po’ di moto e una “Befana” .

Grazie per tutto quello che fate per i nostri Amici, Vi siamo vicini

Katia Gironi

ESPERIENZA DI VOLONTARIATO AZIENDALE:

momenti del CDD di Besozzo

Ciao, non ci sono parole per descrivere l’intensità con cui abbiamo vissuto la giornata di ieri… Ringraziamo tantissimo tutti voi per la possibilità che ci avete dato di poter vivere il quotidiano di questa bellissima grande famiglia cosi semplicemente diversa, dove ogni piccolo gesto è un successo e i valori della vita cambiano.
Ci siamo resi conto di aver sorriso con gioia per tutto il giorno, abbiamo donato sicuramente molto poco ma abbiamo ricevuto moltissimo… tanto che questa mattina tutti noi abbiamo avuto la tentazione di tornare…
Ancora grazie e un grosso abbraccio a tutti e speriamo in un arrivederci!

POESIE DEI NOSTRI RAGAZZI:

COLORI Rosa, come l’amicizia
come l’abbraccio
di un amico.
Giallo, la gelosia
quando ti vedo
parlare con un’altra.
Rosso, come l’amore
i momenti
in cui sto con te.
Verde, come la speranza
di volersi bene.
Arancione, come l’estate
le risate con gli amici.
Azzurro, come Napoli
come il suo mare….
Io cammino sull’arcobaleno.

Anna

PAPA’
Il mio papà è alto
ma quando voglio fargli una carezza
diventa basso basso.
Qualche tempo fa si è ammalato al cuore….
e per la paura
anche il mio cuore
si è ammalato un pò.
Il mio papà
non mi sgrida mai
sono io che lo sgrido….
perchè fa tante cose
e si stanca troppo.
La cosa che mi piace di piu del papà
è la calma….
e quando sono nervosa
lui m viene vicino
mi accarezza
e io divento piccola piccola….

Elisa

L’AMORE
L’amore mi da gioia
Se non vedo il mio fidanzato
mi arrabbio…
Con lui mi piace passeggiare sul prato
raccogliere i fiori
camminare mano nella mano.
Incontrarsi in un bar
chiacchierare
bere un aperitivo.
Poi salutarsi….
Quando lui si allontana
sono triste…..
Arrivo a casa
sistemo i fiori nel vaso
guardo un tulipano
..e penso a lui…

Paola