15-16 Ottobre 2020, convegno online: La ricerca di vita autonoma

Il 15 e il 16 ottobre 2020, si terrà il convegno online “La ricerca di vita autonoma” organizzato dall’Università degli Studi dell’Insubria in collaborazione con il Centro Internazionale “Gianfranco Brebbia”.

Vengono proposte due giornate di relazioni multidisciplinari, incontri, testimonianze, interviste alla ricerca di nuove idee per la realizzazione di progetti sempre più innovativi.
In questa ottica di aggiornamento e di ricerca, si porranno le basi per creare una svolta culturale verso una modernità di pensiero e di prassi nei
confronti della disabilità.
Il convegno è gratuito e si svolgerà in diretta streaming.

Continua a leggere

Online la raccolta fondi “Ripartiamo per bene”

E’ on line la campagna di raccolta fondi a sostegno del progetto “RIPARTIAMO PER BENE”, il ciclopellegrinaggio solidale da Varese a Lourdes, ideato dal Team NewsCiclismo, a favore di Fondazione Renato Piatti onlus che partirà proprio da La Nuova Brunella sabato 1° agosto.

  • Una sfida dal punto di vista fisico: percorrere in bicicletta 1.000 chilometri in 6 giorni.
  • Una sfida a favore di oltre 550 bambini, giovani e adulti con disabilità, autismo e disturbi del comportamento di cui Fondazione Piatti si prende cura: raccogliere 10 euro per ogni chilometro del tragitto da Varese a Lourdes.
  • Un obiettivo comune: raccogliere 10.000 euro di donazioni (o più) per l’acquisto di dispositivi di protezione individuale indispensabili per proteggere gli ospiti e gli operatori dei 16 Centri di Fondazione Piatti.

Per partecipare alla campagna di raccolta fondi, è possibile donare uno o più chilometri, qui.

Continua a leggere

Fai i conti con il cuore: dona il tuo 5×1000 a Fondazione Piatti

Dopo la difficile prova dei mesi appena trascorsi abbiamo riaperto tutti i Centri.
Ci siamo presi cura di tutti i bambini attraverso la riabilitazione a distanza e ora stiamo ripartendo con tutte le cautele per non abbassare la guardia.
Non abbiamo mai chiuso i Centri residenziali in cui ci prendiamo cura degli adulti e degli anziani con disabilità.

Gabriele è un bambino con autismo che ha ripreso a frequentare uno dei nostri Centri, quest’anno è lui l’ambasciatore delle 500 persone di cui puoi prenderti cura destinando il 5×1000 a Fondazione Piatti.
La firma per il 5×1000 a Fondazione Piatti significa per Gabriele e tutti i bambini come lui accoglienza, cura, interventi mirati ed efficaci. Donando il 5×1000 a Fondazione Piatti sarà possibile garantire a questi bambini gli interventi necessari per sviluppare e recuperare l’autonomia dopo questi lunghi mesi di lotta al Covid19.

Continua a leggere

Riaprono i Centri Diurni e Riabilitativi di Fondazione Piatti

Grazie al via libera del Governo e della Regione Lombardia, Fondazione Renato Piatti ha potuto presentare alle ATS Insubria e Milano Città Metropolitana i progetti per la ripresa delle attività presso i Centri Diurni di Bobbiate, Bregazzana, Besozzo, Melegnano e i centri riabilitativi di Neuropsichiatria Infantile di Milano, Besozzo e Varese a La Nuova Brunella.

Dopo quasi 3 mesi dalla sospensione delle attività si stanno gradualmente riaprendo le porte di tutti i Centri Diurni Sanitari e Socio-Sanitari di Fondazione Renato Piatti secondo le nuove regole di sicurezza che prevedono rigorosi protocolli di sorveglianza sanitaria, la gradualità dei flussi e soprattutto la rimodulazione dei progetti individuali.

Poche persone per volta e meno ore di frequenza per ridurre al minimo il rischio di contagio osservando il distanziamento sociale e l’utilizzo di tutti i dispositivi di protezione a cominciare dall’uso delle mascherine anche per tutte le persone con disabilità che non sempre riescono a tollerarle.

«Prima di riavviare le attività dei Centri Diurni abbiamo effettuato un’indagine conoscitiva coinvolgendo oltre 300 famiglie. – Afferma Michele Imperiali, Direttore Generale di Fondazione Renato Piatti onlus – Oltre il 70% degli intervistati ha confermato l’importanza della riapertura dei Centri Diurni non solo per non far perdere l’efficacia della riabilitazione ma anche perché in grave difficoltà a gestire da soli le situazioni più complesse. Così siamo ripartiti dando la precedenza proprio alle famiglie più fragili. Confidiamo di accogliere nuovamente tutti entro 4 settimane.»

Intanto prosegue senza sosta anche l’attività educativa e riabilitativa a distanza del progetto “Toc Toc” sperimentato con successo durante la fase di lockdown. Un’esperienza innovativa con riscontri qualitativi e quantitativi che nessuno, prima del blocco forzato Covid, avrebbe mai immaginato.

Il programma di tele-riabilitazione prosegue al ritmo di oltre 300 interventi alla settimana nei tre centri interessati (80 per CTRS di Varese, 63 per il Centro di Besozzo e 166 per Milano) proponendo attività a distanza di logopedia, psicomotricità, colloqui psicologici e neuropsichiatrici. Anche gli interventi riabilitativi e di Parent Training sono numerosi e coinvolgono circa 175 bambini e le loro famiglie (39 a Varese, 44 a Besozzo e 91 a Milano).

Continua a leggere